A A A

 

Il legislatore europeo ha stabilito con il Regolamento (UE) 2013/402, successivamente integrato dal Regolamento (UE) 2015/1136 una serie di principi (c.d. Common Safety Methods o CSM) che devono essere adottati per la valutazione dei rischi associati con ogni modifica significativa (tecnica, operativa ed organizzativa) all’interno del sistema ferroviario europeo.

Il regolamento 402 introduce il concetto di “Proponente”, ovvero di soggetto responsabile della modifica e della dimostrazione che questa venga introdotta prendendo in considerazione tutti i rischi connessi utilizzando i principi del CSM.

Il “Proponente” può essere costituito da uno dei soggetti che operano nell’ambito del sistema ferroviario europeo, come ad esempio: Gestori dell'infrastruttura, Imprese ferroviarie, Soggetti responsabili della manutenzione, Costruttori in qualità di richiedenti AMIS (Autorizzazione di messa in servizio) presso un’Agenzia Nazionale di Sicurezza.

L’attività che viene condotta dall’ Organismo di Valutazione o As.Bo per conto di un “Proponente” prende il nome di CSM Risk Analysis (CSM-RA).

Tutti i processi di nuova AMIS presso ANSFISA ed i processi di rinnovo/ristrutturazione e modifica di sottosistemi già autorizzati sono soggetti allo sviluppo di Analisi di Rischio ed alla successiva valutazione da parte di un ASBO accreditato come Italcertifer.

Italcertifer è in grado di offrire ai propri clienti una vasta conoscenza del processo di Risk Analysis grazie al proprio gruppo multidisciplinare di esperti con competenze sia in ambito tecnico che metodologico.

Italcertifer, oltre che presso l’ente italiano di accreditamento, è riconosciuto e presente nel database ufficiale dell’Agenzia Europea per le Ferrovie denominato ERADIS.