A A A

I Laboratori Italcertifer al fine di verificare uno dei pilastri portanti per la sicurezza alla circolazione quale il freno sono dotati di una squadra di tecnici e ingegneri adeguatamente preparati.

La professionalità necessaria deriva da una formazione puntuale maturata attraverso esperienze acquisite sul campo e la partecipazione come esperti ai gruppi di lavoro internazionali.

La squadra del freno è capace di realizzare nel rispetto delle normative vigenti le prove di prestazione in linea di veicoli completi (EMU/DMU) o mezzi singoli (carri, carrozze e mezzi d’opera) oltre alle dedicate prove al banco sui componenti principali dell’impianto freno.

Questo è possibile anche grazie alla dotazione di strumentazione specifica e banchi prova dedicati.

Tutte le attività suddette sono riconosciute dagli Accreditamenti EN17025 Accredia e UIC.

 

I Laboratori Italcertifer sono accreditati EN17025 per lo svolgimento delle prove di verifica delle prestazioni frenanti secondo i Regolamenti della Commissione UE e gli standard internazionali di riferimento come la TSI LOC & PAS, TSI Wagon, UIC 540, UIC 541-05, UIC 544, UNI EN 16834, UNI EN 15595.

Le prove vengono svolte su tutte le tipologie di veicoli ferroviari:

  • Carri;
  • Locomotori;
  • Carrozze rimorchiate;
  • Convogli costituiti da Locomotori e Carrozze rimorchiate;
  • EMU/DMU;
  • Mezzi d’opera.

Le prove vengono svolte sia in modalità statica che in dinamica, con lo scopo di definire tempi di frenatura, distanze di arresto, decelerazioni e percentuale di massa frenata. Le prestazioni di frenatura sono caratterizzate da molteplici fattori, tra cui le condizioni di carico del veicolo, le modalità di frenatura e le condizioni di aderenza ruota-rotaia che il laboratorio è in grado di realizzare e monitorare.

Al fine di determinare la prestazione frenante del materiale oggetto di prova le grandezze che vengono misurate ed acquisite consistono in velocità, accelerazione, pressione dell’aria nei vari punti funzionali dell’impianto freno, forza frenante, istante di attivazione del freno, temperatura degli organi frenanti (che siano dischi o ruote).

Le prove che vengono svolte sono:

  • Prove statiche per la definizione dei tempi di frenatura, sforzi frenanti, corretta funzionalità degli organi di frenatura nei diversi modi e regimi di frenatura e lle condizioni di carico del veicolo;
  • Prove dinamiche per la determinazione degli spazi di arresto e percentuale di massa frenata del veicolo;
  • Prove dinamiche in condizioni di aderenza degradata in accordo alla norma UIC 541-05;
  • Prove di lancio per la determinazione delle prestazioni frenanti di elementi singoli che vengono rimorchiati ovvero carri e carrozze.

I Laboratori italcertifer dispongono di un banco antipattinante per prove di sistemi WSP (Wheel Slide Protection) ubicato a Firenze, presso il Test Center. Lo scopo dei sistemi WSP è quello di modulare la forza frenante in condizioni di bassa aderenza tra la ruota e la rotaia al fine di evitare il bloccaggio delle ruote. Questo infatti porterebbe, oltre che ad un aumento dello spazio di arresto del veicolo ferroviario, anche al danneggiamento delle ruote, detto “spiattellamento”.

Italcertifer dispone di uno dei due soli banchi al mondo accreditati secondo UIC 541-05 per prove di sistemi antipattinanti con le seguenti caratteristiche:

  •  vmax = 500 [km/h];
  • Fino a 8 assi indipendenti;
  • Fino a 8 cilindri freno.

Il banco WSP appartiene alla Classe 1, questo permette di testare la più ampia gamma di componenti per sistemi antipattinanti:

  • Centralina WSP;
  • Algoritmo;
  • Consumo d’aria;
  • Sensori di velocità;
  • Acquisizione della velocità degli assi;
  • Elettrovalvole;
  • Tutto il sistema nella sua interezza.

Italcertifer SpA dispone di un banco dinamometrico omologato UIC per prove di frenatura presso Firenze.

Il banco permette di effettuare la verifica delle prestazioni frenanti, secondo quanto indicato dalle norme vigenti, direttamente sui componenti principali di frenatura dei rotabili ferroviari: dischi-pasticche, ruote-ceppi; in termini di coefficiente di attrito, stabilità meccanica, ecc.

I principali parametri misurabili in tempo reale durante la prova sono:

  • Velocità;
  • Spazio d’arresto;
  • Massa/inerzia;
  • Forze in gioco: normale e tangenziale;
  • Temperature.

Attraverso la misura dei suddetti parametri si ricava il valore del coefficiente d’attrito che caratterizza l’assieme disco/pasticca o ceppo/ruota.

Il banco prova è omologato secondo norma UIC 548 ed è l’unico in Italia autorizzato a qualificare i suddetti prodotti.

Sul banco è possibile eseguire prove di certificazione in accordo alle seguenti norme:

  • UIC541-3;
  • UIC541-4;
  • EN14535;

con velocità massima di rotazione di 1500 [rpm].

Sono inoltre possibili rilevamenti termografici e misurazioni acustiche con strumentazioni all’avanguardia.