Foto: Freccciarossa

I Laboratori di Italcertifer S.p.A. offrono una vasta gamma di servizi in ambito ferroviario grazie all’esperienza pluriennale nel settore, le competenze e professionalità del personale altamente qualificato, le tecniche e la strumentazione in dotazione, il tutto in accordo agli standard nazionali o internazionali di riferimento.

In tale gamma rientrano prove elettriche ed ambientali allo scopo di garantire un percorso in sicurezza che va dal processo omologativo di un veicolo richiedente l’autorizzazione all’immissione sul mercato, al lavoro quotidiano di chiunque graviti nell’ambiente ferroviario.

 

I Laboratori di Italcertifer S.p.A dispongono di personale qualificato e della strumentazione necessaria ad eseguire le seguenti tipologie di prove:

  • Misura delle correnti armoniche di trazione con veicolo alimentato tramite catenaria a 3 kV DC secondo Maschera FS 96 Specifica N°370582 esp 1.0 - Documento attuativo versione 1.1 del 26.09.1997 (Prove Accreditata secondo UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2018)
  • Misura delle correnti armoniche di trazione con veicolo alimentato tramite catenaria a 25 kV AC secondo Disposizione RFI N°53 del 13/11/2006
  • Misura delle correnti armoniche di trazione con veicolo alimentato tramite catenaria a 1,5 kV DC utilizzando i principi della Maschera FS 96 Specifica N°370582 esp 1.0 - Documento attuativo versione 1.1 del 26.09.1997
  • Misura della qualità di captazione di corrente in accordo agli standard europei di riferimento (STI REGOLAMENTO (UE) N. 1302/2014 e REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2019/776) utilizzando il metodo delle forze, degli archi e misurando i sollevamenti della catenaria e i tempi di abbassamento del pantografo secondo le norme CEI EN 50317 e CEI EN 50367.
  • Misura dell'impedenza tra la cassa dei veicoli ferroviari e il conduttore di protezione secondo CEI EN 50153
  • Misure di prestazioni in accordo agli standard europei di riferimento (STI REGOLAMENTO (UE) N. 1302/2014 e REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2019/776)
  • Verifica dei requisiti di alimentazione richiesti dagli standard europei di riferimento (STI REGOLAMENTO (UE) N. 1302/2014 e REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2019/776) e secondo CEI EN 50388

Inoltre, in base alle esigenze del cliente, è possibile effettuare prove investigative/di ingegneria per monitorare determinate grandezze elettriche su veicoli ferroviari alimentati anche tramite terza rotaia.

I Laboratori di Italcertifer S.p.A. dispongono della strumentazione e delle competenze necessarie per eseguire prove ambientali e di sicurezza sul lavoro (SSL) in ambito ferroviario, in accordo agli standard nazionali ed internazionali di riferimento. I tecnici e gli ingegneri dei laboratori eseguono le seguenti prove:

  • Misure per la valutazione del confort microclimatico in accordo al decreto legislativo del 9 aprile del 2008 n.81, ed alla normativa internazionale UNI EN ISO 7730, EN ISO 7726, EN ISO 8986, EN ISO 9920, per la determinazione degli indici PMV (Predicted Mean Vote) e PPD (Predicted Percentage Dissatisfied).
  • Misure per la valutazione di illuminamento e illuminazione di emergenza, in accordo al decreto legislativo del 9 aprile del 2008 n.81 e alla normativa internazionale EN 12464-1, EN 12464-2 ed EN 1838, con lo scopo di verificare le condizioni per lo svolgimento efficace ed accurato dei compiti visivi, ovvero il rispetto dei requisiti illuminotecnici per le aree di lavoro e di transito in un impianto ferroviario e l’illuminamento dei percorsi per il raggiungimento dei punti di raccolta.
  • Misure per la valutazione di inquinamento ottico e luminoso, in accordo ai decreti nazionali/regionali ed internazionale DS/CEN/TR 13201-1, DS/CEN/TR 13201-2, DS/EN 13201-3, DS/EN 13201-4 ed EN 12464-2, al fine di verificare il flusso disperso verso oggetti non intenzionalmente illuminati (inquinamento ottico), e la dispersione del flusso luminoso verso aree esterne a quelle funzionalmente illuminate per tutelare l’attività degli osservatori astronomici (inquinamento luminoso).
  • Misure per la valutazione dell’impatto acustico in accordo al DPR 459 e al decreto ministeriale DM 16/3/1998 con lo scopo di prevenire e contenere l’inquinamento acustico delle infrastrutture ferroviarie.
  • Misure per la valutazione dell’esposizione al rumore dei lavoratori in accordo al decreto legislativo del 9 aprile del 2008 n.81, e alla normativa UNI 9432 ed UNI EN ISO 9612, finalizzate alla valutazione del rischio da rumore a cui sono esposti i lavoratori.
  • Misure per la valutazione dell’esposizione dei lavoratori ai campi elettromagnetici in accordo al decreto legislativo del 9 aprile del 2008 n. 81 e alla normativa internazionale CEI EN 50500, CEI EN 50444, CEI EN 50499, con lo scopo di valutare il campo elettrico e l’indice di esposizione ai campi magnetici prodotto da sorgenti intenzionali e non-intenzionali.
  • Misurazioni di vibrazioni secondo quanto disciplinato dal D. Lgs. 81/2008 e gli standard ISO 2631-1 ed ISO 5349.

I Laboratori Italcertifer dispongono di strumentazione di misura conformi a quanto previsto dalla normativa internazionale di riferimento. La strumentazione di misura è soggette a calibrazione periodica ed è tenute sotto controllo dal Laboratorio Italcertifer attraverso un adeguato processo di conferma metrologica.

I Laboratori Italcertifer S.p.A. dispongono della strumentazione necessaria ad eseguire prove di compatibilità elettromagnetica su veicoli, sistemi e sotto-sistemi in ambito ferroviario, in accordo agli standard europei di riferimento. Tale attrezzatura permette di eseguire le seguenti prove:

  • valutazione del livello e verifica del rispetto dei limiti delle emissioni elettromagnetiche di veicoli e impianti ferroviari verso l’ambiente esterno nel range 9 kHz – 1 GHz, definiti dalla normativa CEI EN 50121-3-1
  • valutazione del livello e verifica del rispetto dei limiti delle emissioni elettromagnetiche tra veicoli ferroviari e sistemi conta-assi, nel range 10 kHz – 1.3 MHz, definiti dalla normativa CEI EN 50592
  • valutazione del livello e verifica del rispetto dei limiti dei campi magnetici generati dai dispositivi elettronici ed elettrici in ambiente ferroviario in riferimento all’esposizione umana, nel range 0 Hz – 20 kHz, ai sensi della norma CEI EN 50500

Lo scopo delle attività è verificare che il sistema in prova non generi e propaghi energia elettromagnetica in grado di interferire e compromettere il corretto funzionamento di altri sistemi posti nelle vicinanze o che possa essere nocivo alla salute dell’operatore durante il suo normale esercizio lavorativo.

I Laboratori Italcertifer dispongono di particolari strumenti dedicati a ciascuna prova:

  • CEI EN 50121-3-1
    • antenna a telaio per la misura del campo magnetico nelle bande di frequenza 9 kHz - 30 MHz
    • antenna TriLog per la misura del campo elettrico nelle bande di frequenza 30 MHz - 1 GHz
    • analisi in frequenza dei segnali effettuata tramite l’utilizzo di un ricevitore EMI
  • CEI EN 50592
    • antenna a bassa frequenza per la misura di campi magnetici nella banda 10 ÷ 100 kHz
    • antenna ad alta frequenza per la misura di campi magnetici nella banda 100 kHz ÷ 1.3 MHz
    • sistema di acquisizione con frequenza di campionamento diversificata in base alla tipologia di antenna utilizzata
  • CEI EN 50500
    • Sonda ad effetto Hall portatile utilizzata per la misura dell’induzione magnetica statica
    • Antenna triassiale per la misura dell’induzione magnetica a bassa frequenza
    • Sistemi di acquisizione dedicati in base allo strumento di misura utilizzato

Tutte le apparecchiature di misura utilizzate sono conformi a quanto previsto dalla normativa internazionale di riferimento, soggette a calibrazione periodica e sono tenute sotto controllo dai Laboratorio Italcertifer attraverso un adeguato processo di conferma metrologica.

I Laboratori di Italcertifer S.p.A. dispongono della strumentazione e delle competenze idonee all’esecuzione di misure di temperatura per la determinazione delle prestazioni termiche di componenti elettrici ed elettronici e la caratterizzazione termica di vari elementi di veicoli ferroviari.

Abbinandole, se necessario alle misure di pressione superficiale per completare lo studio termico con quello aerodinamico.

A richiesta del cliente si possono misurare e monitorare componenti in fase di long-term stress test, determinando con accuratezza la temperatura di esercizio del campione oggetto della prova istante per istante, al fine di garantire la sicurezza nella prova e l’analisi della prestazione termica del componente testato.

Possono essere misurate le temperature di componenti elettrici quali:

  • quadri elettrici e di distribuzione
  • dispositivi elettronici
  • batterie
  • cavi di alimentazione
  • Componenti meccanici

Nello specifico, su veicoli ferroviari:

  • motori elettrici ed endotermici
  • riduttori
  • circuiti di trazione
  • reostati
  • sale
  • temperature dei sistemi frenanti
  • dischi freno
  • ruote

È possibile effettuare la caratterizzazione termica attraverso vari metodi e strumenti di misura quali: pirometri, termocoppie e termoresistenze al platino PT100, termocamere con l’utilizzo di telemetrie multicanale per la trasmissione dei segnali, quando necessario.

I nostri sistemi di rilevazione temperatura consentono di operare in più contesti, il nostro vasto insieme di strumenti di misura consente di:

  • eseguire misure in telerilevamento garantendo un controllo non distruttivo e non intrusivo dei corpi analizzati
  • mantenere le distanze di sicurezza in applicazioni critiche
  • monitorare i processi a temperatura critica
  • visualizzare in real time il profilo termico di un componente in test
  • analizzare la distribuzione della temperatura in tutto il campo visivo del dispositivo
  • ampio range termico di lavoro
  • molteplici applicazioni: dai test di laboratorio a prove dinamiche in condizioni critiche
  • misurare la temperatura di gas
  • misurare la temperatura di liquidi.
  • effettuare misurazioni con ampio range di misura con curva caratteristica quasi lineare e massima precisione.